Dizionario Biblico

Lista dei lemmi per iniziale:   A   B   C   D   E   F   G   H   I   J   K   L   M   N   O   P   Q   R   S   T   U   V   X   Y   Z   W  
  Cerca lemma
   
Ades (dal greco haides - non visto)

Nel NT indica il luogo (secondo gli ebrei e la credenza popolare del 1° secolo) o stato (secondo gli studiosi moderni) di attesa del giudizio finale per il non credente (Apoc. 20:131). Alla fine, con quanto contiene e con la morte, sarà gettato nello stagno di fuoco. La teologia del NT non lo divide in due parti, perché la dimora del credente dopo la morte è con Dio e Cristo.

Apocalisse 20:13 Il mare restituì i morti che erano in esso; la morte e l’Ades resituirono i loro morti; ed essi furono giudicati, ciascuno secondo le sue opere.

Adolescenza (dal latino adolescentia(m) da adulescens - adolescente)

L’adolescenza è l’età che intercorre tra la fanciullezza e l’età adulta. Vi si distinguono tre fasi: preadolescenza (12-14 anni); adolescenza (14-16 anni); adolescenza terminale (16-18 anni) nel corso delle quali si sviluppa la maturità sessuale e si consolida il carattere. Salomone esaltandone il momento ne ricorda non solo le responsabilità ma anche la futilità (Ec 12:1-31). Vi si può concepire il male (Ge 8:21; Gr 32:302) ma anche mantenersi incontaminati (Ez 4:14; Mc 10:203). È possibile l’oppressione (Sl 129:1-24), la possessione (Mc 9:215) e, a causa del peccato, può essere abbreviata (Sl 89:456). Gesù, a 12 anni interagiva già con i maestri del Tempio (Lc 2:42-497).

Ecclesiaste 12:1 Rallégrati pure, o giovane, durante la tua adolescenza, e gioisca pure il tuo cuore durante i giorni della tua giovinezza; cammina pure nelle vie dove ti conduce il cuore e seguendo gli sguardi dei tuoi occhi; ma sappi che, per tutte queste cose, Dio ti chiamerà in giudizio! 12:2 Bandisci dal tuo cuore la tristezza, e allontana dalla tua carne la sofferenza; poiché la giovinezza e l'aurora sono vanità. 12:3 Ma ricòrdati del tuo Creatore nei giorni della tua giovinezza, prima che vengano i cattivi giorni e giungano gli anni dei quali dirai: «Io non ci ho più alcun piacere»;

Genesi 8:21 Il SIGNORE sentì un odore soave; e il SIGNORE disse in cuor suo: «Io non maledirò più la terra a motivo dell'uomo, poiché il cuore dell'uomo concepisce disegni malvagi fin dall'adolescenza; non colpirò più ogni essere vivente come ho fatto. Geremia 32:30 Poiché i figli d'Israele e i figli di Giuda, hanno fatto, sin dalla loro adolescenza, ciò che è male ai miei occhi; poiché i figli d'Israele non hanno fatto che provocare la mia ira con l'opera delle loro mani, dice il SIGNORE.

Ezechiele 4:14 Allora io dissi: «Ahimé, Signore, DIO, ecco, io non mi sono mai contaminato; dalla mia infanzia a ora, non ho mai mangiato carne di bestia morta da sé o sbranata, e non m'è mai entrata in bocca nessuna carne impura». Marco 10:20 Ed egli rispose: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia gioventù».

Salmi 129:1 Molte volte mi hanno oppresso fin dalla mia gioventù - lo dica pure Israele - 129:2 molte volte mi hanno oppresso fin dalla mia gioventù; eppure non hanno potuto vincermi.

Marco 9:21 Gesù domandò al padre: «Da quanto tempo gli avviene questo?» Egli disse: «Dalla sua infanzia»

Salmi 89:45 Hai abbreviato i giorni della sua giovinezza, l'hai coperto di vergogna.

Luca 2:42 Quando giunse all'età di dodici anni, salirono a Gerusalemme, secondo l'usanza della festa; 2:43 passati i giorni della festa, mentre tornavano, il bambino Gesù rimase in Gerusalemme all'insaputa dei genitori; 2:44 i quali, pensando che egli fosse nella comitiva, camminarono una giornata, poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti; 2:45 e, non avendolo trovato, tornarono a Gerusalemme cercandolo. 2:46 Tre giorni dopo lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai maestri: li ascoltava e faceva loro delle domande; 2:47 e tutti quelli che l'udivano, si stupivano del suo senno e delle sue risposte. 2:48 Quando i suoi genitori lo videro, rimasero stupiti; e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto così? Ecco, tuo padre e io ti cercavamo, stando in gran pena». 2:49 Ed egli disse loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io dovevo trovarmi nella casa del Padre mio?»

Adonai

Signore, mio padrone. È usato moltissime volte in sostituzione di Jahvé ma solo 5 con l’accezione di Signore dei signori (Sl 110:1; De 10:17; 1 Ti 6:15; Ap 17:14; 19:161).

Salmi 110:1 Il SIGNORE ha detto al mio Signore: «Siedi alla mia destra finché io abbia fatto dei tuoi nemici lo sgabello dei tuoi piedi». Deuteronomio 10:17 poiché il SIGNORE, il vostro Dio, è il Dio degli dèi, il Signore dei signori, il Dio grande, forte e tremendo, che non ha riguardi personali e non accetta regali. 1Timoteo 6:15 la quale sarà a suo tempo manifestata dal beato e unico sovrano, il Re dei re e Signore dei signori. Apocalisse 17:14 Combatteranno contro l'Agnello e l'Agnello li vincerà, perché egli è il Signore dei signori e il Re dei re; e vinceranno anche quelli che sono con lui, i chiamati, gli eletti e i fedeli». Apocalisse 19:16 E sulla veste e sulla coscia porta scritto questo nome: RE DEI RE E SIGNORE DEI SIGNORI.

Adorazione (dal latino adorazione(m) da adorare - adorare)

È quell’atto di intima e profonda comunione con Dio nel quale si contempla la Sua Maestà e si riconosce la totale dipendenza dalla Sua grazia e dal Suo amore. Riconoscendolo Signore della nostra vita lo ringraziamo ed esaltiamo per il dono della Sua Parola (Gv 17:171) che alimenta il nostro cuore (Ef 6:172) e il nostro desiderio di dimorare in Lui. È per l’intercessione dello Spirito (Ro 8:26; Gv 14:263) che possiamo adorare il Padre (Ro 8:15-164) e ricevere la rivelazione di Cristo (Gv 1:145).

Giovanni 17:17 Santificali nella verità: la tua parola è verità.

Efesini 6:17 Prendete anche l'elmo della salvezza e la spada dello Spirito, che è la parola di Dio.

Romani 8:26 Allo stesso modo ancora, lo Spirito viene in aiuto alla nostra debolezza, perché non sappiamo pregare come si conviene; ma lo Spirito intercede per noi con sospiri ineffabili. Giovanni 14:26 ma il Consolatore, lo Spirito Santo, che il Padre manderà nel mio nome, vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto quello che vi ho detto.

Romani 8:15 E voi non avete ricevuto uno spirito di servitù per ricadere nella paura, ma avete ricevuto lo Spirito di adozione, mediante il quale gridiamo: «Abbà! Padre!» 8:16 Lo Spirito stesso attesta insieme con il nostro spirito che siamo figli di Dio.

Giovanni 1:14 E la Parola è diventata carne e ha abitato per un tempo fra di noi, piena di grazia e di verità; e noi abbiamo contemplato la sua gloria, gloria come di unigenito dal Padre.

Adozione (dal latino adoptiōne(m) – adozione)

È l’atto che attribuisce, a tutti gli effetti, lo status di figlio legittimo a chi, pur essendo nato da altri, è ora partecipe di una nuova famiglia. Questa è l’opera redentrice di Cristo che ha voluto trarci dalla servitù del peccato (Lc 15:19-32; Ga 4:4-7; Ef 1:51) per donarci il diritto di figli legittimi (Gv 1:12; Ef 1:4-52) e tramite lo Spirito adorare il Padre (Ro 8:15-16iii) in attesa della futura redenzione del nostro corpo (Ro 8:19-234) eredità promessa (Ga 4:7; Ga 3:16:195).

Luca 15:19 non sono più degno di essere chiamato tuo figlio; trattami come uno dei tuoi servi". 15:20 Egli dunque si alzò e tornò da suo padre; ma mentre egli era ancora lontano, suo padre lo vide e ne ebbe compassione: corse, gli si gettò al collo, lo baciò e ribaciò. 15:21 E il figlio gli disse: "Padre, ho peccato contro il cielo e contro di te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio". 15:22 Ma il padre disse ai suoi servi: "Presto, portate qui la veste più bella, e rivestitelo, mettetegli un anello al dito e dei calzari ai piedi; 15:23 portate fuori il vitello ingrassato, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, 15:24 perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita; era perduto, ed è stato ritrovato". E si misero a fare gran festa. 15:25 Or il figlio maggiore si trovava nei campi, e mentre tornava, come fu vicino a casa, udì la musica e le danze. 15:26 Chiamò uno dei servi e gli domandò che cosa succedesse. 15:27 Quello gli disse: "È tornato tuo fratello e tuo padre ha ammazzato il vitello ingrassato, perché lo ha riavuto sano e salvo". 15:28 Egli si adirò e non volle entrare; allora suo padre uscì e lo pregava di entrare. 15:29 Ma egli rispose al padre: "Ecco, da tanti anni ti servo e non ho mai trasgredito un tuo comando; a me però non hai mai dato neppure un capretto per far festa con i miei amici; 15:30 ma quando è venuto questo tuo figlio che ha sperperato i tuoi beni con le prostitute, tu hai ammazzato per lui il vitello ingrassato". 15:31 Il padre gli disse: "Figliolo, tu sei sempre con me e ogni cosa mia è tua; 15:32 ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita; era perduto ed è stato ritrovato"». Galati 4:4 ma quando giunse la pienezza del tempo, Dio mandò suo Figlio, nato da donna, nato sotto la legge, 4:5 per riscattare quelli che erano sotto la legge, affinché noi ricevessimo l'adozione. 4:6 E, perché siete figli, Dio ha mandato lo Spirito del Figlio suo nei nostri cuori, che grida: «Abbà, Padre». 4:7 Così tu non sei più servo, ma figlio; e se sei figlio, sei anche erede per grazia di Dio. Efesini 1:5 avendoci predestinati nel suo amore a essere adottati per mezzo di Gesù Cristo come suoi figli, secondo il disegno benevolo della sua volontà,

Giovanni 1:12 ma a tutti quelli che l'hanno ricevuto egli ha dato il diritto di diventar figli di Dio: a quelli, cioè, che credono nel suo nome. Efesini 1:4 In lui ci ha eletti prima della creazione del mondo perché fossimo santi e irreprensibili dinanzi a lui, 1:5 avendoci predestinati nel suo amore a essere adottati per mezzo di Gesù Cristo come suoi figli, secondo il disegno benevolo della sua volontà,

Romani 8:15 E voi non avete ricevuto uno spirito di servitù per ricadere nella paura, ma avete ricevuto lo Spirito di adozione, mediante il quale gridiamo: «Abbà! Padre!» 8:16 Lo Spirito stesso attesta insieme con il nostro spirito che siamo figli di Dio.

Romani 8:19 Poiché la creazione aspetta con impazienza la manifestazione dei figli di Dio; 8:20 perché la creazione è stata sottoposta alla vanità, non di sua propria volontà, ma a motivo di colui che ve l'ha sottoposta, 8:21 nella speranza che anche la creazione stessa sarà liberata dalla schiavitù della corruzione per entrare nella gloriosa libertà dei figli di Dio. 8:22 Sappiamo infatti che fino a ora tutta la creazione geme ed è in travaglio; 8:23 non solo essa, ma anche noi, che abbiamo le primizie dello Spirito, gemiamo dentro di noi, aspettando l'adozione, la redenzione del nostro corpo.

Galati 4:7 Così tu non sei più servo, ma figlio; e se sei figlio, sei anche erede per grazia di Dio. Galati 3:16 Le promesse furono fatte ad Abraamo e alla sua progenie. Non dice: «E alle progenie», come se si trattasse di molte; ma, come parlando di una sola, dice: «E alla tua progenie», che è Cristo. 3:17 Ecco quello che voglio dire: un testamento che Dio ha stabilito anteriormente, non può essere annullato, in modo da render vana la promessa, dalla legge sopraggiunta quattrocentotrent'anni più tardi. 3:18 Perché se l'eredità viene dalla legge, essa non viene più dalla promessa; Dio, invece, concesse questa grazia ad Abraamo, mediante la promessa. 3:19 Perché dunque la legge? Essa fu aggiunta a causa delle trasgressioni, finché venisse la progenie alla quale era stata fatta la promessa; e fu promulgata per mezzo di angeli, per mano di un mediatore.

Adulazione (dal latino adulatiône(m) – adulazione – da adulâri - adulare)

L’adulazione è l’espediente usato per lodare smodatamente per compiacenza, interesse o servilismo. Di certo non è un comportamento corretto e la Parola lo stigmatizza (Gb 32:21-221) ponendo in guardia da chi usa una lingua bugiarda e la bocca adulatrice (Pr 26:28; 29:52) affermando, nel contempo, che chi usa la correzione sarà stimato più di chi lusinga (Pr 28:233). Il salmista si sente oppresso dalla falsità di tale comportamento e invoca Dio, contro le lusinghe e gli intrighi dei propri nemici (Sl 5:94), che gli dia saggezza, per contrastare le insidie della donna malvagia e adulatrice (Pr 6:24; 7:5; 7:215), arrivando a lamentare che, tra il popolo, non ci siano più uomini retti (Sl 12:2-36).

 

 

Giobbe 32:21 Lasciate che io parli senza riguardi personali, senza adulare nessuno; 32:22 poiché adulare io non so; se lo facessi, il mio Creatore presto mi toglierebbe di mezzo

Proverbi 26:28 La lingua bugiarda odia quelli che ha ferito, e la bocca adulatrice produce rovina. Proverbi 29:5 L'uomo che lusinga il prossimo, gli tende una rete davanti ai piedi.

Proverbi 28:23 L'uomo che corregge sarà, alla fine, più accetto di chi lusinga con la sua lingua.

poiché nella loro bocca non c'è sincerità, il loro cuore è pieno di malizia; la loro gola è un sepolcro aperto, lusingano con la loro lingua.

Proverbi 6:24 … per guardarti dalla donna malvagia, dalle parole seducenti della straniera. Proverbi 7:5 … affinché ti preservino dalla donna altrui, dall'estranea che usa parole seducenti. Proverbi 7:21 Lei lo sedusse con le sue molte lusinghe, lo trascinò con la dolcezza delle sue labbra.

Salmi 12:2 Ciascuno mente parlando con il prossimo; parla con labbro adulatore e con cuore doppio.

Adulterio (dal latino adulteriu(m) da adulter - adultero)

È la violazione degli obblighi alla fedeltà coniugale promessa all’atto del matrimonio (Es 20:14; Eb 13:41). Tipica di ogni tempo (Le 18:20; Ez 23:43-472), colpisce le unioni prive del timore di Dio (Gr 29:23; Gm 4:43) e del reciproco rispetto (Pr 6:32; Mt 5:28; 1 Co 7:54). La Bibbia amplia tale significato all’infedeltà d’Israele (Gr 5:7; De 31:16; Os 1:25) ma vi include anche le nostre brame (Ez 6:9; Es 20:176) che attireranno il Suo giudizio (Ez 16:387). Come combatterlo? (2 Pt 1:5-108).

Esodo 20:14 Non commettere adulterio. Ebrei 13:4 Il matrimonio sia tenuto in onore da tutti e il letto coniugale non sia macchiato da infedeltà; poiché Dio giudicherà i fornicatori e gli adùlteri.

Levitico 18:20 Non avrai relazioni carnali con la moglie del tuo prossimo per contaminarti con lei. Ezechiele 23:43 Io ho detto di quella invecchiata negli adulteri: "Anche ora commettono prostituzioni con lei!... proprio con lei!" 23:44 Si viene da essa, come si va da una prostituta! Così si viene da Oola e da Ooliba, da queste donne scellerate. 23:45 Ma uomini giusti le giudicheranno, come si giudicano le adultere, come si giudicano le donne che spargono il sangue; perché sono adultere e hanno del sangue nelle mani. 23:46 Perciò così parla DIO, il Signore: Sarà fatta salire contro di loro una moltitudine ed esse saranno date in balìa del terrore e del saccheggio. 23:47 Quella moltitudine le lapiderà e le farà a pezzi con la spada; ucciderà i loro figli e le loro figlie e darà alle fiamme le loro case.

Geremia 29:23 Costoro infatti hanno compiuto cose nefande in Israele, hanno commesso adulterio con le mogli del loro prossimo e hanno pronunziato in mio nome parole di menzogna; il che io non avevo loro comandato. Io stesso lo so, e ne sono testimone», dice il SIGNORE. Giacomo 4:4 O gente adultera, non sapete che l'amicizia del mondo è inimicizia verso Dio? Chi dunque vuol essere amico del mondo si rende nemico di Dio.

Proverbi 6:32 Ma chi commette un adulterio è privo di senno; chi fa questo vuol rovinare sé stesso. Matteo 5:28 Ma io vi dico che chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore. 1Corinzi 7:5 Non privatevi l'uno dell'altro, se non di comune accordo, per un tempo, per dedicarvi alla preghiera; e poi ritornate insieme, perché Satana non vi tenti a motivo della vostra incontinenza.

Geremia 5:7 «Perché ti dovrei perdonare? I tuoi figli mi hanno abbandonato, giurano per degli dèi che non esistono. Io li ho saziati ed essi si danno all'adulterio, si affollano nella casa della prostituta. Deuteronomio 31:16 Il SIGNORE disse a Mosè: «Ecco, tu stai per addormentarti con i tuoi padri; e questo popolo andrà a prostituirsi seguendo gli dèi stranieri del paese nel quale sta per entrare; mi abbandonerà e violerà il patto che io ho stabilito con lui. Osea 1:2 Il SIGNORE cominciò a parlare a Osea e gli disse: «Va', prenditi in moglie una prostituta e genera figli di prostituzione; perché il paese si prostituisce, abbandonando il SIGNORE».

Ezechiele 6:9 I vostri superstiti si ricorderanno di me fra i popoli dove saranno stati deportati, poiché io spezzerò il loro cuore adultero che si è allontanato da me e farò piangere i loro occhi che hanno commesso adulterio con i loro idoli; avranno disgusto di loro stessi, per i mali che hanno commessi con tutte le loro abominazioni. Esodo 20:17 Non desiderare la casa del tuo prossimo; non desiderare la moglie del tuo prossimo, né il suo servo, né la sua serva, né il suo bue, né il suo asino, né cosa alcuna del tuo prossimo».

Ezechiele 16:38 Io ti giudicherò alla stregua delle donne che commettono adulterio e spargono il sangue; farò che il tuo sangue sia sparso dal furore e dalla gelosia.

2Pietro 1:5 Voi, per questa stessa ragione, mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede la virtù; alla virtù la conoscenza; 1:6 alla conoscenza l'autocontrollo; all'autocontrollo la pazienza; alla pazienza la pietà; 1:7 alla pietà l'affetto fraterno; e all'affetto fraterno l'amore. 1:8 Perché se queste cose si trovano e abbondano in voi, non vi renderanno né pigri, né sterili nella conoscenza del nostro Signore Gesù Cristo. 1:9 Ma colui che non ha queste cose, è cieco oppure miope, avendo dimenticato di essere stato purificato dei suoi vecchi peccati. 1:10 Perciò, fratelli, impegnatevi sempre di più a render sicura la vostra vocazione ed elezione; perché, così facendo, non inciamperete mai.

Affetti (dal latino affectu(m) da afficere - ostentare)

Indipendentemente dal grado di parentela, possiamo contemplare, negli affetti, le persone o i sentimenti che ci sono più cari. La Bibbia c’insegna che il Signore ne reclama la priorità (De 10:12-17; Mt 10:37; Lc 14:261), perciò definisce “beato” colui che fa dell’Eterno sicuro rifugio (Sl 9:9; 71:7; 91:1-162); senza radice e carnale (Sl 106:13; Lc 8:13; Gv 6:66; Ro 8:13; Ga 5:19-203) chi soddisfa i propri desideri (Ro 13:14; Ga 5:16; 1 Pt 2:11-124) e insensato chi vi si adegua (Ro1:31-32; 2 Te 2:125).

Deuteronomio 10:12 E ora, Israele, che cosa chiede da te il SIGNORE, il tuo Dio, se non che tu tema il SIGNORE, il tuo Dio, che tu cammini in tutte le sue vie, che tu lo ami e serva il SIGNORE, il tuo Dio, con tutto il tuo cuore e con tutta l'anima tua, 10:13 che tu osservi per il tuo bene i comandamenti del SIGNORE e le sue leggi che oggi ti do? 10:14 Ecco, al SIGNORE tuo Dio appartengono i cieli, i cieli dei cieli, la terra e tutto ciò che essa contiene; 10:15 ma soltanto ai tuoi padri il SIGNORE si affezionò e li amò; poi, dopo di loro, fra tutti i popoli scelse la loro discendenza, cioè voi, come oggi si vede. 10:16 Circoncidete dunque il vostro cuore e non indurite più il vostro collo; 10:17 poiché il SIGNORE, il vostro Dio, è il Dio degli dèi, il Signore dei signori, il Dio grande, forte e tremendo, che non ha riguardi personali e non accetta regali. Matteo 10:37 Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; e chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me. Luca 14:26 «Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, e la moglie, i fratelli, le sorelle e persino la sua propria vita, non può essere mio discepolo».

Salmi 9:9 Il SIGNORE sarà un rifugio sicuro per l'oppresso, un rifugio sicuro in tempo d'angoscia Salmi 71:7 Io sono per molti come un prodigio: tu sei il mio rifugio sicuro. Salmi 91:1 Chi abita al riparo dell'Altissimo riposa all'ombra dell'Onnipotente. 91:2 Io dico al SIGNORE: «Tu sei il mio rifugio e la mia fortezza, il mio Dio, in cui confido!» 91:3 Certo egli ti libererà dal laccio del cacciatore e dalla peste micidiale. 91:4 Egli ti coprirà con le sue penne e sotto le sue ali troverai rifugio. La sua fedeltà ti sarà scudo e corazza. 91:5 Tu non temerai gli spaventi della notte, né la freccia che vola di giorno, 91:6 né la peste che vaga nelle tenebre, né lo sterminio che imperversa in pieno mezzogiorno. 91:7 Mille ne cadranno al tuo fiancoe diecimila alla tua destra;ma tu non ne sarai colpito. 91:8 Basta che tu guardi, e con i tuoi occhi vedrai il castigo degli empi. 91:9 Poiché tu hai detto: «O SIGNORE, tu sei il mio rifugio», e hai fatto dell'Altissimo il tuo riparo, 91:10 nessun male potrà colpirti, né piaga alcuna s'accosterà alla tua tenda. 91:11 Poiché egli comanderà ai suoi angeli di proteggerti in tutte le tue vie. 91:12 Essi ti porteranno sulla palma della mano, perché il tuo piede non inciampi in nessuna pietra. 91:13 Tu camminerai sul leone e sulla vipera, schiaccerai il leoncello e il serpente. 91:14 Poich'egli ha posto in me il suo affetto, io lo salverò; lo proteggerò, perché conosce il mio nome. 91:15 Egli m'invocherà, e io gli risponderò; sarò con lui nei momenti difficili; lo libererò, e lo glorificherò. 91:16 Lo sazierò di lunga vita e gli farò vedere la mia salvezza.

Salmi 106:13 Ben presto però dimenticarono le sue opere; non aspettarono fiduciosi l'adempimento del suo piano. Luca 8:13 Quelli sulla roccia sono coloro i quali, quando ascoltano la parola, la ricevono con gioia; ma costoro non hanno radice, credono per un certo tempo ma, quando viene la prova, si tirano indietro. Giovanni 6:66 Da allora molti dei suoi discepoli si tirarono indietro e non andavano più con lui. Romani 8:13 perché se vivete secondo la carne voi morrete; ma se mediante lo Spirito fate morire le opere del corpo, voi vivrete. Galati 5:19 Ora le opere della carne sono manifeste, e sono: fornicazione, impurità, dissolutezza, 5:20 idolatria, stregoneria, inimicizie, discordia, gelosia, ire, contese, divisioni, sètte.

Romani 13:14 ma rivestitevi del Signore Gesù Cristo e non abbiate cura della carne per soddisfarne i desideri. Galati 5:16 Io dico: camminate secondo lo Spirito e non adempirete affatto i desideri della carne. 1Pietro 2:11 Carissimi, io vi esorto, come stranieri e pellegrini, ad astenervi dalle carnali concupiscenze che danno l'assalto contro l'anima, 2:12 avendo una buona condotta fra gli stranieri, affinché laddove sparlano di voi, chiamandovi malfattori, osservino le vostre opere buone e diano gloria a Dio nel giorno in cui li visiterà.

Romani 1:31 insensati, sleali, senza affetti naturali, spietati. 1:32 Essi, pur conoscendo che secondo i decreti di Dio quelli che fanno tali cose sono degni di morte, non soltanto le fanno, ma anche approvano chi le commette. 2Tessalonicesi 2:12 affinché tutti quelli che non hanno creduto alla verità ma si sono compiaciuti nell'iniquità, siano giudicati

Afflizione (dal latino aflictione(m) da afflictus - afflitto)

Tribolazione fisica, stato di tristezza, infelicità o abbattimento spirituale. È la conseguenza della caduta (Ge 3:16-19; Gb 5:71). Anche se decretata da Dio (2 Re 6:33; Gb 5:172) ed essere anche grave (Gb 16:7-16; Sl 42:73), Egli non ne fa uso volentieri (La 3:334) ma manifesta il Suo amore (De 8:55). Sappiamo che può essere causata dal peccato (Gb 4:8; Sl 89:30-32; Is 57:176) e che anche i credenti ne soffriranno (1Te 3:3; Gv 16:337) per giungere, con gioia (Gb 5:17; Gm 5:118), alla beatitudine (Sl 126:5; Mt 5:49).

Genesi 3:16 Alla donna disse: «Io moltiplicherò grandemente le tue pene e i dolori della tua gravidanza; con dolore partorirai figli; i tuoi desideri si volgeranno verso tuo marito ed egli dominerà su di te». 3:17 Ad Adamo disse: «Poiché hai dato ascolto alla voce di tua moglie e hai mangiato del frutto dall'albero circa il quale io ti avevo ordinato di non mangiarne, il suolo sarà maledetto per causa tua; ne mangerai il frutto con affanno, tutti i giorni della tua vita. 3:18 Esso ti produrrà spine e rovi, e tu mangerai l'erba dei campi; 3:19 mangerai il pane con il sudore del tuo volto, finché tu ritorni nella terra da cui fosti tratto; perché sei polvere e in polvere ritornerai». Giobbe 5:7 ma l'uomo nasce per soffrire, come la favilla per volare in alto.

2Re 6:33 Egli parlava ancora con loro, quand'ecco scendere verso di lui l'inviato, che disse: «Ecco questo male viene dal SIGNORE; che ho più da sperare dal SIGNORE?» Giobbe 5:17 «Beato l'uomo che Dio corregge! Tu non disprezzare la lezione dell'Onnipotente;

Giobbe 16:7 Ora, purtroppo, Dio m'ha ridotto senza forze, ha desolato tutta la mia casa; 16:8 m'ha coperto di grinze e questo testimonia contro di me, la mia magrezza si leva ad accusarmi apertamente. 16:9 La sua ira mi lacera, mi perseguita, digrigna i denti contro di me, il mio nemico aguzza gli occhi su di me. 16:10 Aprono larga contro di me la bocca, mi percuotono per oltraggio le guance, si metton tutti insieme a darmi addosso. 16:11 Dio mi dà in balìa degli empi, mi getta in mano dei malvagi. Salmi 42:7 Un abisso chiama un altro abisso al fragore delle tue cascate; tutte le tue onde e i tuoi flutti son passati su di me.

Lamentazioni 3:33 poiché non è volentieri che egli umilia e affligge i figli dell'uomo

Deuteronomio 8:5 Riconosci dunque in cuor tuo che, come un uomo corregge suo figlio, così il SIGNORE, il tuo Dio, corregge te.

Giobbe 4:8 Io per me ho visto che coloro che arano iniquità e seminano tormenti, ne mietono i frutti. Salmi 89:30 Se i suoi figli abbandonano la mia legge e non camminano secondo i miei ordini, 89:31 se violano i miei statuti e non osservano i miei comandamenti, 89:32 io punirò il loro peccato con la verga e la loro colpa con percosse. Isaia 57:17 Per l'iniquità della sua cupidigia io mi sono adirato e l'ho colpito; mi sono nascosto, mi sono indignato; ma egli, ribelle, ha seguito la via del suo cuore.

1Tessalonicesi 3:3 affinché nessuno fosse scosso in mezzo a queste tribolazioni; infatti voi stessi sapete che a questo siamo destinati. Giovanni 16:33 Vi ho detto queste cose, affinché abbiate pace in me. Nel mondo avrete tribolazione; ma fatevi coraggio, io ho vinto il mondo».

Giobbe 5:17 «Beato l'uomo che Dio corregge! Tu non disprezzare la lezione dell'Onnipotente. Giacomo 5:11 Ecco, noi definiamo felici quelli che hanno sofferto pazientemente. Avete udito parlare della costanza di Giobbe, e conoscete la sorte finale che gli riserbò il Signore, perché il Signore è pieno di compassione e misericordia

Salmi 126:5 Quelli che seminano con lacrime, mieteranno con canti di gioia. Matteo 5:4 Beati quelli che sono afflitti, perché saranno consolati.

Afflizioni, promesse divine nelle

Anche se le afflizioni possono essere prolungate (Sl 6:3; 13:1; 35:17; 79:5; 80:4; 89:46; 90:13; Hb 1:21), la Parola ha in serbo meravigliose promesse divine. In primo luogo afferma che arriveranno giorni migliori (Sl 30:52) in conseguenza della liberazione (Sl 34:19-203), per cui non ne conserveremo ricordo alcuno (Gb 11:164). Questo perché Dio stesso conforterà con la Sua presenza (Is 43:25) prendendosi cura di ogni problema (Sl 41:3; 50:15; 94:12-13; 138:76). La Parola afferma che tutto coopera al bene di chi crede (Ro 8:28; 2 Co 4:177) e che la grazia divina è più che sufficiente (2 Co 12:98) per chi partecipa alle sofferenze di Cristo (1 Pt 4:12-139). Alla fine giungerà la liberazione finale (Ap 21:410) e con essa una casa eterna (Gv 14:1-311).

Salmi 6:3 Anche l'anima mia è tutta tremante; e tu, o SIGNORE, fino a quando?... Salmi 13:1 Fino a quando, o SIGNORE, mi dimenticherai? Sarà forse per sempre? Fino a quando mi nasconderai il tuo volto? Salmi 35:17 O Signore, fino a quando starai a guardare? Allontana l'anima mia dalla loro malvagità, l'unica mia, da quelle belve. Salmi 79:5 Fino a quando, SIGNORE, sarai tu adirato? La tua gelosia arderà come fuoco per sempre? Salmi 80:4 SIGNORE, Dio degli eserciti, fino a quando sarai irritato contro la preghiera del tuo popolo? Salmi 89:46 Fino a quando, SIGNORE, ti terrai nascosto e l'ira tua arderà come fuoco? Salmi 90:13 Ritorna, SIGNORE; fino a quando? Muoviti a pietà dei tuoi servi. Hbacuc 1:2 Fino a quando griderò, o SIGNORE, senza che tu mi dia ascolto? Io grido a te: «Violenza!» e tu non salvi.

Salmi 30:5 Poiché l'ira sua è solo per un momento, ma la sua benevolenza è per tutta una vita. La sera ci accompagna il pianto; ma la mattina viene la gioia.

Salmi 34:19 Molte sono le afflizioni del giusto; ma il SIGNORE lo libera da tutte. 34:20 Egli preserva tutte le sue ossa; non se ne spezza neanche uno.

Giobbe 11:16 … dimenticherai i tuoi affanni; te ne ricorderai come d'acqua passata;

Isaia 43:2 Quando dovrai attraversare le acque, io sarò con te; quando attraverserai i fiumi, essi non ti sommergeranno; quando camminerai nel fuoco non sarai bruciato e la fiamma non ti consumerà,

Salmi 41:3 Il SIGNORE lo sosterrà quando sarà a letto, ammalato; tu lo consolerai nella sua malattia. Salmi 50:15 … poi invocami nel giorno della sventura; io ti salverò, e tu mi glorificherai». Salmi 94:12 Beato l'uomo che tu correggi, o SIGNORE, e istruisci con la tua legge 94:13 per dargli sollievo nei giorni dell'avversità, finché la fossa sia scavata per l'empio. Salmi 138:7 Se cammino in mezzo alle difficoltà, tu mi ridai la vita; tu stendi la mano contro l'ira dei miei nemici e la tua destra mi salva.

Romani 8:28 Or sappiamo che tutte le cose cooperano al bene di quelli che amano Dio, i quali sono chiamati secondo il suo disegno 2Corinzi 4:17 Perché la nostra momentanea, leggera afflizione ci produce un sempre più grande, smisurato peso eterno di gloria

2Corinzi 12:9 … ed egli mi ha detto: «La mia grazia ti basta, perché la mia potenza si dimostra perfetta nella debolezza». Perciò molto volentieri mi vanterò piuttosto delle mie debolezze, affinché la potenza di Cristo riposi su di me.

1Pietro 4:12 Carissimi, non vi stupite per l'incendio che divampa in mezzo a voi per provarvi, come se vi accadesse qualcosa di strano. 4:13 Anzi, rallegratevi in quanto partecipate alle sofferenze di Cristo, perché anche al momento della rivelazione della sua gloria possiate rallegrarvi ed esultare.

Apocalisse 21:4 Egli asciugherà ogni lacrima dai loro occhi e non ci sarà più la morte, né cordoglio, né grido, né dolore, perché le cose di prima sono passate».

Giovanni 14:1 «Il vostro cuore non sia turbato; abbiate fede in Dio, e abbiate fede anche in me! 14:2 Nella casa del Padre mio ci sono molte dimore; se no, vi avrei detto forse che io vado a prepararvi un luogo? 14:3 Quando sarò andato e vi avrò preparato un luogo, tornerò e vi accoglierò presso di me, affinché dove sono io, siate anche voi;